La Chiesa di Creta

La Chiesa di Creta è un’entità di grandissima importanza per gli abitanti dell’isola, è parte della storia di Creta e se si vuole conoscere appieno la cultura cretese, non si può prescindere dal conoscere la Chiesa. Il legame tra la Chiesa di Creta e i suoi abitanti è qualcosa di viscerale e che trova origini in tempi antichissimi.

Si sa che i primi predicatori del cristianesimo sull'isola sono gli Evraiokrites, che hanno partecipato alla predicazione di Pietro nel giorno di Pentecoste a Gerusalemme, secondo il racconto degli Atti degli Apostoli (11). Il primo nucleo fu organizzato nel 64 dC circa dall'apostolo Paolo, quando arrivò in visita apostolica. Tito, studente dell’apostolo, fu incaricato del lavoro sistematico di cristianizzazione dell'isola, nominato dallo stesso Paolo primo vescovo dell'isola. Il cristianesimo si espanse rapidamente a Creta. Durante la persecuzione di Decio (249-251 dC) Creta ha dato i suoi famosi dieci martiri da cui il nome del paese Agii Deka. Gli autori bizantini che menzionano Creta, non mancano di commemorare i dieci testimoni come il più alto titolo onorario per l'isola. Con l'espansione del cristianesimo, e l’organizzazione della Chiesa Primate cretese, furono nominati i primi vescovi e il Primate. Il Primate della Chiesa di Creta aveva il titolo di arcivescovo di Creta che era una delle dodici arcidiocesi di Illyria (come allora veniva chiamata la penisola balcanica).

Si ignorano successori diretti di Tito nei primi secoli del cristianesimo. Si riferisce Filippo alla fine del 2° secolo e successivamente a Cirillo ed Eumenios, tutti vescovi Gortynis, venerati come santi. Durante il primo periodo bizantino, il Primate della Chiesa di Creta aveva sede a Gortyna, che era il centro amministrativo dell'isola fin dal tempo dell'occupazione romana. Qui è stata fondata nel 6° secolo, probabilmente da Giustiniano, la maestosa basilica in onore del primo vescovo e patrono della Chiesa cretese l’Apostolo Tito, e la chiesa fu trasformata in un importante centro di pellegrinaggio, tra i maggiori per i cristiani del tempo.

All'inizio del secolo 8° c’erano dodici diocesi a Creta chiamate"dodekathronos". A quel tempo l'arcivescovo di Creta è stato subordinato al trono di Roma, ma gli imperatori bizantini iconoclasti, vinsero e spostarono la sudditanza al trono di Costantinopoli (c. 754). Il periodo critico di iconoclastia ha avuto come arcivescovo di Creta sant'Andrea da Gerusalemme, una delle più grandi personalità della chiesa bizantina, un brillante oratore e innografo, che guidà la chiesa cretese circa 30 anni (712-740), e che dimostrò una rara capacità di gestione creando forti legami con la sua comunità. Poco più tardi la chiesa di Creta fu guidata dall’altro prelato studioso, Elia che aveva frequentato il Concilio Ecumenico (787), insieme a tutti i vescovi di Creta. I loro nomi sono conservati negli Atti della riunione: Lambi Epifanio, Irakleioupoleos (Heraklion) Theodore, Anastasios Knossos, Cydonia Melito, Kissamos Leo Sourviton Theodore, Leo Phoenix, Arcadia John Elefthernis Epifanio, Kantanos, Herronissos Sisinios.

Questo periodo (circa 824-961 dC) è stato una pietra miliare nella storia politica ed ecclesiastica di Creta. Gli Arabi fondarono qui un emirato peculiare con capitale Candia, l’attuale Heraklion. Creta è stata tagliata, per circa 135 anni, dal tronco dell'impero bizantino e la Chiesa di Costantinopoli fu immersa nel buio più completo. La nostra conoscenza delle vicende politiche ed ecclesiastiche dell'isola durante tale periodo è molto scarsa. Durante questo periodo sappiamo che alcuni dei vescovi metropoliti di Creta scapparono dall'isola.

Dopo la riconquista di Creta ad opera di Niceforo Foca nel 961, si entrò nel cosiddetto secondo periodo a Creta (961-1204). Centro politico e religioso era Chandakas diventata così la sede del Primate della Chiesa di Creta. In Candia c’era di nuovo la cattedrale in onore dell'Apostolo Tito, patrono della Chiesa di Creta, probabilmente lo stesso luogo dove oggi c’è la chiesa omonima. Dei vescovi noti di questo periodo menzionano Elia, studioso brillante (inizio 11° secolo), John (ca. 1166-1172) e Nicholas. Quest'ultimo fuggì a Nizza in Francia, poco dopo il 1204, quando Creta fu occupata dai Veneziani.

Nel lungo periodo di dominazione veneziana (1204-1669) la situazione ecclesiastica a Creta cambiò radicalmente. I veneziani rimossero i vescovi ortodossi dell'isola, creando l’Arcidiocesi cattolica di Creta, e realizzando un tentativo di latinizzazione degli ortodossi cretesi, che tuttavia sono rimasti fanaticamente devoti alla dottrina dei propri padri. Uno dei motivi di vanto della chiesa di Creta è stata proprio questa resistenza alla latinizzazione anche senza il presidio dei propri vescovi. L’ortodossia a Creta superò quei momenti critici grazie ai numerosi monasteri ortodossi, agli abati e ai monaci studiosi attivi nei villaggi e nei centri urbani. I monasteri erano grandi e potenti focolai della tradizione bizantina e dell’ortodossia nella Creta veneziana. L'ortodossia monastica di Creta alzò un muro contro il dominio dei veneziani popolo conservando così non solo la propria identità religiosa ma anche la propria particolarità culturale che ancora oggi è evidente.

L'intervento principale del Patriarcato ecumenico a Creta durante il dominio veneziano, fu la missione di un teologo e annunciatore del Vangelo, Joseph Bryennios. Bryennios, è rimasto a Creta circa due decenni (1381-1401), e ha sostenuto l'ortodossia sull'isola con successo di fronte ai teologi filo-occidentali dell'epoca, come Massimo Chryssovergi e Dimitrios Kydones.

L'Impero Ottomano (1645-1898) modificò, tra le altre cose, la situazione religiosa a Creta. Uno dei primi atti politici dell'amministrazione turca fu la restaurazione della gerarchia ortodossa nella Chiesa di Creta. Con l’obiettivo di fermare la grande sconfitta, che stava subendo la campagna turca a Creta, in virtù della resistenza guidata dal vescovo di Creta Neophytos Patellaros (1647), fratello dello storico patriarca del monastero di Arkadi, Athanasios C. Patellaros. Questa concessione, che era ovviamente coerente con la politica stabilita dell'Impero Ottomano, puntava all'influenza psicologica dei Cretesi ortodossi che avrebbero visto per la prima volta dopo il lungo periodo di dominazione veneziana, gerarchi ortodossi sull'isola. Le prime notizie sull'esistenza dei vescovi a Creta occupata dai turchi è contenuta in un manoscritto del 1659, cioè dieci anni prima della caduta di Candia (1669). Creta era divisa quindi in dodici vescovati, che hanno mantenuto ancora ora i loro nomi storici: Gortynis, Knossos, Arcadia, Herronissos, Avlopotamos, Rethymno, Lambi, Cydonia, Santi, Sitia, Chania e Kissamos.

Dopo la caduta di Candia i Turchi riconobbero ai cristiani di Candia solo una chiesa, S. Matteo, che era una dipendenza del grande monastero del Sinai. Tuttavia, i rapporti del monastero del Sinai con la Chiesa metropolitana non erano buoni. Per questo il vescovo Gerasimos Letitzis di Creta (proveniente da Temenos) riuscì ad ottenere, a fatica dagli ottomani, una licenza per erigere la piccola chiesa di Agios Minas (intorno al 1735) e di stabilire lì la sua cattedra. Questa chiesa è stata inaugurata il 10 novembre 1735, ma è stata riconosciuta ufficialmente solo il 19 giugno 1742. Con il tempo è diventata il centro della piccola comunità cristiana di Heraklion e Agios Minas e divenne il simbolo di protezione soprannaturale della città. La chiesa è stata decorata con preziose immagini e tributi ed ora è un vero e proprio museo di arte religiosa, al centro della città di Heraklion.

Durante quel periodo difficile il Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli, ha aiutato in vari modi la Chiesa di Creta. La cosa più importante che ha fatto, sfruttando i privilegi che gli erano stati riconosciuti, è stata mettere sotto protezione speciale del vescovo Neophytos Patellaros i grandi monasteri di Creta, proclamando la “stavropigiaka”. I monasteri hanno contribuito in modo formidabile alla conservazione del patrimonio storico e culturale ortodosso Altri monasteri furono ceduti al Patriarcato ecumenico dal 1654, soprattutto quelli ricchi e di grandi dimensioni come Arkadi, Arsaniou (dedicato della Santissima Trinità), Tzagarolon, quello dedicato alla Vergine di Gdernettou, Chrisopigi a Chania, Gerusalemme a Malebyzi ecc.

Nella grande rivoluzione del 1821, la Chiesa di Creta fu decapitata. Nel grande massacro di Heraklion, 24 Giugno 1821, che è rimasto nella memoria del popolo come "I Grandi arpentes" i turchi inferociti massacrarono i cinque vescovi: Neophytos di Cnosso, Joachim di Herronissos, Ierotheos di Lambi, Zaccaria di Sitia e il vescovo titolare di Callinicos, Diopoleos . Per più di due anni la Chiesa di Creta è stata di nuovo senza testa. Nel 1823, con il permesso del sultano Mahmud D, il Patriarcato ordinò, vescovo di Creta, Kallinikos sul Aghialou (1823-1830) che si insediò nella diocesi di Knosso, fondendo le ex diocesi di Cnosso, Lambi e Herronissos. Il fiorente metropolitana Creta Haritonidis Dionigi, l'allora Patriarca ecumenico Dionigi. L'ultimo vescovo del periodo della dominazione turca a Creta è stato Timothy Kastrinogiannaki (1870-1898). Durante la sua prelatura fu completata e consacrata la magnifica chiesa di Agios Minas (apertura 18 aprile 1895).

La situazione della Chiesa di Creta è regolata con la Legge dello Statuto 276/1900 dello Stato cretese.Il capo della Chiesa cretese è eletto dal Patriarcato di Costantinopoli e l'intronizzazione è per decreto dello Stato greco. Con legge 283 del 28 febbraio 1967, la metropoli di Creta fu dichiarata Arcidiocesi metropolitana e l'arcivescovo di Creta.

Lo sapevi che...

Il legame tra la Chiesa e lo Stato, in Grecia, è molto forte, e sull’isola sono molti i luoghi gestiti direttamente dalla Chiesa cretese (monasteri, grotte, spiagge, ecc.). I luoghi gestiti dalla Chiesa sono segnati dalla classica bandiera con un’aquila nera su fondo giallo.

Bandiera gialla Creta