Myrtos

Myrtos è uno dei paesini più greci di Creta, da non confondere con la bellissima spiaggia di Cefalonia. Situato nel sud dell’isola, nella periferia di Lasithi a circa 15km dalla celebre Ierapetra. E’ uno spaccato dell’autentica cultura cretese e con i suoi vicoli bianchi, le porte blu, i pescatori e le taverne sulla spiaggia, offre un’incredibile possibilità di staccare la spina e immergersi nella Grecia più vera.

Il paese è situato all’imbocco una valle molto fertile dove si coltivano le banane e che è attreversata da un piccolo fiume, che inizia a nord, nel villaggio di Gdohia, il villaggio tristemente celebre per l’eccidio di alcuni civili da parte dei nazisti, per rappresaglia. A Myrthos invce c’è il museo archeologico che ospita i reperti dei due scavi archeologici presenti nelle vicinanze (Neos Myrthos e Pirgos) e una collezione permanente sulle tradizioni del posto.

Myrtos

Divertimenti

A Myrtos c’è pace! Una decina di taverna, i soliti caffè, qualche supermarket con poco più dell’essenziale e tanti pescatori. Se scegliete Myrtos, lo fate perché siete alla ricerca di un posto tranquillo dove rilassarvi e godervi lo stupendo mare di Libia. Tuttavia, Myrtos può essere la base per le vostre escursioni nella periferia di Lasithi, e se cercate divertimento, Ierapetra è a circa 15km di distanza.

Spiagge

Myrtos è celebre per le sue spiagge poco ventilate e abbastanza attrezzate.

La più famosa è Vatos. Vatos si trova a 18km a ovest di Ierapetra e adiacente a Myrtos. E’ una meravigliosa spiaggia a cui si può accedere a piedi dal piccolo paesino: proprio di fronte al villaggio si estende questa lunga spiaggia attrezzata. La spiaggia è spezzettata in diverse spiaggette più piccole, la parte principale è fatta dalla caratteristica ghiaia grigia di Creta, il fondale è profondo. Vatos non è sviluppata e quindi non ci sono mai troppe persone sulla spiaggia, ad eccezione di alcuni abitanti del luogo. In alcune parti della costa ci sono alcune tamerici. Andando verso ovest, si incontra l'insediamento di Kalikovrehtis, dove si forma un'altra spiaggia di ciottoli. Se invece ci si direge verso Est, a 1 km circa, si incontra la spiaggia di Sarikambos, che è più isolata con il fondale roccioso. Ancora più ad Est, si trova una piccola baia accanto agli scavi di Nea Myrtos. Andando ancora più ad Est si trova Ammoudares, una spiaggia davvero stupenda costituita da lunghe spiagge sequenziali con grossa sabbia grigia . Tutte le spiagge sono disorganizzate e abbastanza isolate.

A circa 1 km a est di Ammoudares si trova anche la spiaggia di Kalamaki. Si tratta di una bella spiaggia di sabbia totalmente sconosciuto alla maggioranza dei turisti, dal momento che è ben nascosta dalla strada principale. È anche chiamata Kapelas, per la storica pizzeria costruita qui molti anni fa. La spiaggia è circondata da alte scogliere.

Oltre a queste citate se guidate un pò a caso sulla litoranea nell'area di Ierapetra, ci sono molte belle spiagge che sicuramente meritano una visita.

Possibili escursioni

Il 27 luglio è la festa locale della chiesa di San Panteleimon,una grande festa che attira moltissime persone in onore del patrono della chiesa che si trova nel villaggio.

Nelle vicinanze c’è il villaggio di Gdohia, con i suoi vicoli caratterstici. Il paese ospita la vecchia cappella dell'Annunciazione, con le sue icone bizantine, di rara bellezza. Nelle vicinanze, verso la valle, c’è anche un canyon che può essere attraversato. Infine, tra la spiaggia e il villaggio gli archeologi hanno trovato i resti di un insediamento pre-minoico.Se siete qui, dovreste arrivare a Ierapetra e godervi la particolarità della celebre località hyppie.

  • Ierapetra - 15 km (17 minuti);
  • Istro - 38 km (40 minuti);
  • Agios Nikolaos - 50 km (50 minuti);
  • Heraklion - 80 km (90 minuti);
  • Knosso - 70 km (80 minuti);

Come raggiungere

Myrtos si raggiunge percorrendo la strada costiera che porta a Ierapetra e sale fino alla new Road, passando per Agii Deka e Gortyna.